Cuba

DA VERSOS SENCILLOS DI JOSÉ MARTÍ

Coltivo una rosa bianca
A luglio come a gennaio
Per l’amico sincero
Che mi tende la sua mano franca.
E per il crudele che mi strappa
Il cuore che mi dà la vita
Non coltivo spina né bruco,
Coltivo la rosa bianca.
Io penso, quando divento allegro
Come un semplice scolaro,
Al canarino giallo, -
Che ha l’occhio così nero!
Io voglio, quando morirò,
Senza patria, però senza padrone,
Avere sulla mia lapide un ramo
Di fiori, - e una bandiera!
                            JOSÉ MARTÍ